P/E S&P 500  e CAPE SHILLER

Il rapporto CAPE è un confronto tra un prezzo azionario o indice e i suoi profitti complessivi, che viene utilizzato per indicare se la sua attività è sopravvalutata o sottovalutata. Si tratta di un'estensione del rapporto prezzo-utili tradizionale (P/E) che monitora un periodo di dieci anni per tenere conto delle variazioni della redditività dovute ai cicli economici.

L'indice CAPE, acronimo per cyclically-adjusted price-to-earning, è anche noto come Shiller P/E. Il suo nome è stato dato dal professor Robert Shiller che ha sviluppato il metodo, insieme al suo collega John Young Campbell. Mentre il P/E è il prezzo di un titolo azionario, diviso per i suoi profitti in un singolo anno, l'indice CAPE utilizza una media di dieci anni di reddito, adeguato per via dell'inflazione dei 10 anni precedenti. Ciò significa che può tenere conto dei cicli di business a lungo termine e facilitare i movimenti di mercato a breve termine e la volatilità.

L'indice CAPE è più adatto alle valutazioni a lungo termine del mercato azionario rispetto all'indice P/E, il che rende più utile per gli investitori che considerano un periodo di tempo di diversi anni e non i trader che potrebbero mantenere una posizione su un titolo o indice solo per poco tempo.

Il rapporto CAPE può essere ancora utile per i trader che prestano attenzione all'analisi fondamentale, poiché fornisce un'indicazione sulla tendenza ribassista o rialzista del mercato. Quando si utilizza l'indice CAPE, è importante ricordare che si basa sui dati storici e non garantisce accurate previsioni sulle performance future. Infatti molto importante diventa in tal senso il multiplo P/E FORWARD, calcolato non sugli utili attuali, ma su quelli attesi. In questo caso il CAPE potrebbe risultare ben diverso.

Puoi trovare qui:

pe shiller.png
alezax.PNG

ISCRIVITI AL MIO CANALE YOUTUBE PER NON PERDERTI CONTENUTI DI FINANZA PERSONALE E COMPORTAMENTALE