LE BASI PER INVESTIRE

1

AFFIDATI AD UN PROFESSIONISTA QUALIFICATO DI UNA BANCA SPECIALIZZATA.

Diffida di chi fa previsioni, non esistono i guru. Pretendi certificazioni di competenze, esperienza e specializzazione da chi cura i tuoi interessi

Nel campo della finanza nessuno è in grado di fare previsioni certe. Investire non significa avere la dritta da chi ti farà diventare ricco. Certo si possono intuire le tendenze di fondo (come per esempio in caso di tassi bassi l’azionario è probabile che performi bene, come possibile che nello stesso caso il settore obbligazionario sarà sofferente) ma questo è un lavoro che riguarda prettamente le case di gestione dove lavorano analisti finanziari con lo scopo di costruire prodotti che già per come sono concepiti contengono una valutazione appurata sulle opportunità e sui rischi.

LE PREVISIONI

1.jpg
3.jpg

2019. Gli analisti e "alcuni consulenti" che prevedevano rialzo generico dei tassi si sono visti cadere davanti il castello fragile di carta, e così tassi giù in picchiata dovuto ad un contesto economico fragile.

QUELLO CHE E' POI ACCADUTO

2.jpg
cina.jpg

2018. Quanti hanno previsto che da un giorno ad un altro Donald Trump avesse imposto dazi ai prodotti cinesi? Quanti prevedevano il conseguente contraccolpo sui mercati emergenti e asiatici ?

 Il consulente invece potrà consigliarti costruendo un portafoglio in base agli obiettivi finanziari e di vita, come cucire un vestito su misura,  e supportarti nei periodi difficili dove l’emotività potrebbe distruggere il valore intrinseco dei propri investimenti. Proprio per l’importanza del ruolo, ognuno vorrebbe che i propri interessi siano curati da un professionista preparato. La preparazione non è implicita per il solo fatto di lavorare in un’ istituto finanziario. Quindi diventano importanti l’esperienza, il percorso accademico, la tipologia di carriera e le certificazioni in possesso che ne dimostrano le competenze. La certificazione EFA può essere utile per capire se il proprio consulente detiene standard elevati professionali ,ma non è tutto. L’istituto per il quale lavora deve essere specializzato nel campo. Infatti anche il miglior chirurgo al mondo se non ha a disposizione gli attrezzi del suo mestiere non potrebbe portare a buon fine un’operazione.

Consulta il Registro Pubblico Efpa per verificare se il tuo consulente ha competenze certificate.

FORMAZ1.PNG

Le performance le creano i mercati finanziari. Un bravo consulente finanziario non fa previsioni ma crea portafogli con assets allocations in linea con i bisogni. Gestisce comportamenti ed emozioni del cliente per generare performance attese in linea con le dovute scadenze

Contattami per un check-up gratuito e senza impegno dei tuoi investimenti

risch.jpg

2

IL MIGLIOR ANTIDOTO E' DIVERSIFICARE E MONITORARE I DIVERSIFICATORI

Un portafoglio diversificato non risente della crisi di un mercato specifico e cogli le migliori opportunità. Una ricetta per riuscire ha bisogno di buoni ingredienti

Elimina più rischi che puoi. Quindi.. niente rischio specifico tipico dei titoli azionari od obbligazionari. Oggi si può eliminare il rischio specifico grazie ai Fondi comuni d'Investimento o agli Etf.

La loro finalità è aggregare i patrimoni di più risparmiatori, investire sui mercati finanziari e creare valore nel tempo.  Il ritorno per il sottoscrittore dipende quindi dall’ andamento delle attività in cui è investito.

Rispondono al detto sempre valido di non mettere tutte le uova nello stesso paniere. Facendo un esempio, di vita pratica, se io avessi un capitale di 100.000 euro e volessi investirli in un bar di Roma concentrerei il mio rischio su quel bar. Discorso diverso se con gli stessi 100.000 euro comprassi quote dei bar più promettenti sparsi in tutta Italia, quote di farmacie,di supermercati, di tabaccai,ristoranti ecc.. In quest' ultimo caso il mio rischio è pressoché nullo. Ebbene se invece dei bar trasliamo il discorso su titoli azionari, obbligazionari e altri strumenti d'investimento ecco spiegato il vero vantaggio dei fondi comuni d'investimento e degli Etf.

Il rischio in un fondo comune si chiama OSCILLAZIONE del valore di mercato

Il rischio di un titolo può portare alla perdita completa dei soldi investiti

RICORDA :  se investi in fondi non concentrare l'intero patrimonio in un fondo solo. E' opportuno diversificare anche tra più fondi perché ogni gestore adotta stili di gestione diversi e compie scelte diverse dagli altri. Quindi è opportuno avere un portafoglio di fondi, ovvero DIVERSIFICARE I DIVERSIFICATORI  selezionandoli per qualità e storia del gestore e MONITORARLI nelle loro evoluzioni nel tempo.

1) I GESTORI DI FONDI POSSONO CAMBIARE CASACCA COME AVVIENE NEL MONDO DEL CALCIO

Un fondo comune d'investimento è gestito da un professionista del settore, spesso coadiuvato da un team di analisti. Ogni gestore ha quindi delle skills, doti o preparazione che ne determinano la carriera, proprio come i giocatori di calcio. E spesso tali gestori cambiano casa di investimento per motivi economici od opportunistici. Quindi , guardando lo storico del fondo, i rendimenti e i giudizi positivi dati nel tempo alla gestione, credevi di aver affidato i tuoi soldi a quel fondo quando invece chi lo gestiva nel frattempo ha cambiato casacca. Come Ronaldo è capace di spostare equilibri per la vincita dello scudetto, il gestore di un fondo può essere altrettanto determinante per il rendimento del fondo.

azq.png
zaq.png

2) I FONDI D'ECCELLENZA DIFFICILMENTE CONFERMANO LE PERFORMANCE MIGLIORI NEL TEMPO. I RENDIMENTI DIPENDONO DALLE SCELTE STRATEGICHE DEL GESTORE.

aqz.png

Esempio di un fondo famoso al mondo per la sua passata stabilità di rendimenti nel tempo. Le scelte strategiche di un gestore determinano il risultato finale, e qui possiamo vedere che ad un tratto tali scelte non hanno portato profitto, mentre il mercato nel generale invece andava in ben altra direzione. Meglio tagliare i rami secchi in tempo. Il monitoraggio sui gestori serve a questo, anche perché il gestore può sempre cambiare casa. Ed è bene oltremodo non concentrare il proprio investimento su pochi gestori, ma diversificare i diversificatori. 

buff.jpg

3

AVENDONE LA POSSIBILITA' SCEGLI ASSETS DE-CORRELATI TRA LORO

Così il tuo portafoglio è più stabile e puoi ribilanciare in diverse fasi di mercato approfittando dei cali

Diversificare non basta. Avere assets decorrelati nel portafoglio significa avere strumenti che sono tra loro indipendenti, che non dipendono da un unico mercato. Infatti se detengo fondi azionari diversificati in più aree geografiche, non sono immune ad un brusco calo del settore azionario a livello globale, ovvero non sono al riparo dal rischio sistemico, l'unico rischio purtroppo non eliminabile. Avrò quindi un portafoglio più volatile e non potrò approfittare del calo. Se invece nel mio portafoglio ho delle assets che si muovono indipendentemente l'uno dall'altro e con diversi gradi di volatilità il portafoglio sarà più stabile e potrò valutare un ribilanciamento del rischio approfittando dei cali.

decorrelazione e ribilanciamento

4

RISPETTA SEMPRE L'ORIZZONTE TEMPORALE PIANIFICATO CON LUCIDITA'

Le flessioni dei mercati sono fisiologiche. L'emotività distrugge il valore degli investimenti.

L'unico rischio ineliminabile con la diversificazione tuttavia rimane il RISCHIO SISTEMICO, cioè eventi che hanno un impatto a livello globale tale da determinare il momentaneo calo di tutti i mercati finanziari (per es. crollo torri gemelle, fallimento Lehman Brother ecc..). Proprio per questo è importante il tempo entro il quale si intendono tenere investiti i propri risparmi perché la tipologia di fondo o di portafoglio di fondi  deve essere adattata all'esigenza temporale del cliente (e non il contrario!!) oltre che alla tolleranza alla volatilità attesa. 
Le principali tipologie di fondi sono:

-azionari: investono prevalentemente in azioni e, generalmente, si caratterizzano per un alto grado di volatilità e rendimento medio atteso alto;

-obbligazionari : investono principalmente in titoli di Stato ed in obbligazioni e si caratterizzano per un grado di rischio generalmente minore dei fondi azionari;

-bilanciati :  investono sia in azioni che in obbligazioni, con livelli di rischio via via crescenti in base alla percentuale di azioni presenti in portafoglio; 

-monetari : investono in strumenti del mercato monetario a breve termine (non superiore a 6 mesi).

Di ogni tipologia di fondo se ne conoscono a priori RENDIMENTO ATTESO e VOLATILITA' MEDIA STATISTICA oltre che STORICA.

 

RENDIMENTO
ATTESO

FONDI AZIONARI

FONDI BILANCIATI

FONDI OBBLIGAZIONARI

FONDI MONETARI

VOLATILITA'
ATTESA

Prima di investire quindi domandarsi quanto tempo abbiamo davanti è determinante per almeno 2 motivi:

1) ASPETTATIVE DI RENDIMENTO ATTESO

Nel breve i mercati finanziari sanno essere imprevedibili e sorprendenti per la sua irrazionalità, ma su orizzonti temporali lunghi annoiano molto per la loro regolarità, nel senso che si muovono con regolarità ciclica premiando chi investe nelle attività più volatili e per questo a più valore aggiunto (azionario).

oscillazione dei fondi comuni di investimento

2) EMOTIVITA'

Chi non decide a priori il tempo nel quale detenere un investimento è preda della volatilità di BREVE TERMINE (short term bias). Si tratta di una ricorrenza frequente e pericolosa perché spinge le persone ad agire sulla base dell'emotività e della paura e non della razionalità. Proprio per questo un bravo consulente prima di proporre un investimento deve far presente i possibili scenari e testare la tolleranza del cliente alle oscillazioni, ma sopratutto deve essere disponibile a fornire spiegazioni razionali tali da non permettere al cliente di agire sull' onda dell'emotività.Costruire un modello comportamentale di investimento (asset strategica)  è la cosa più sana che il risparmiatore accorto può fare.

E' la capacità di gestire le "oscillazioni negative" che genera grandi performance nel tempo. La cosa più importante prima di investire è capire la natura dei mercati sui quali si investe. Infatti è il comportamento del risparmiatore che determina il risultato dei suoi investimenti !! 

Contattami per un check-up gratuito e senza impegno dei tuoi investimenti

QUALE SAREBBE LA TUA REAZIONE DAVANTI AD UN'OSCILLAZIONE NEGATIVA NEL BREVE TERMINE?

PERF.jpeg
omino 2.jpg
omino1.jpg
come vede un investimento un italiano
il rendimento di un investimento in una vignetta

ESEMPIO PRATICO DI UN BUON FONDO AZIONARIO

rendimento storico di un ottimo fondo azionario

LA SICUREZZA E LA GARANZIA DI RENDIMENTO NON DIPENDONO DALLO STRUMENTO O PRODOTTO, MA DA UN COMPORTAMENTO CORRETTO, UN ATTEGGIAMENTO RAZIONALE E CONSAPEVOLE

5

I MERCATI FINANZIARI RISALGONO. SEMPRE !

E lo fanno anche rapidamente. Se perdi il rimbalzo rischi di compromettere la strategia di lungo termine.

Le oscillazioni sono una componente ordinaria del gioco. Invece di vivere nella paura ordinaria di esse, dobbiamo accettarle come eventi normali e regolari, come all' inverno segue sempre l'estate. Questa è la lezione di più di 100 anni di storia.

dopo l'inverno arriva sempre l'estate, anche nei mercati finanziari

Da come si evince i periodi blu (calo) sono meno lunghi di quelli rossi (salita). Quindi in un 'ottica di lungo termine i cali diventano delle formidabili opportunità perché  nel lungo periodo la tendenza sarà SEMPRE quella di crescere 

msci index nel lungo termine sale sempre

L’indice MSCI World è un indice di mercato azionario di 1612 titoli di livello globale. È sostenuto dallaMSCI, ex Morgan Stanley Capital International ed è usato come metro di misura (benchmark) per i fondi azionari di tipo “world” (mondiali) o “global” (globali). L’indice include una raccolta di titoli azionari di tutti i mercati dei paesi sviluppati nel mondo come definito dall’MSCI. L’indice comprende titoli di 23 paesi esclusi i titoli provenienti da economie di frontiera o emergenti

NEL LUNGO TERMINE ANCHE IL DRAMMA DI UN CROLLO DEL 22% (1987) DIVENTA UNA CORREZIONE IRRILEVANTE E ALLO STESSO TEMPO UN'OPPORTUNITA' DI ACQUISTO PERCHE'....

quotazione.jpg

L'UNICO PRESUPPOSTO E' AVERE INVESTITO IN UN FONDO COMUNE O UN'ETF.

Infatti il gestore del fondo comune insieme al team di analisti finanziari dirige le scelte di investimento verso le aziende che, dopo un'attenta analisi dei bilanci e al contesto storico e finanziario, hanno un margine di crescita sostenibile.

ORA RIFLETTI:

Se fallisse una banca Americana, se ci fosse la Brexit, se crollassero le torri gemelle, se scoppiasse una guerra ecc ...

...secondo te aziende come Mc Donalds, Apple, Amazon...ecc non faranno più utili e falliranno? 

La gente dopotutto continuerà a mangiare, a spendere soldi per prodotti di aziende che a loro volta produrranno utili. Ecco perché i cali sistemici dei mercati non devono spaventare, anzi sono ottime opportunità di investimento o per incrementare i propri investimenti. 

EMOT.jpg

TUTTI I MERCATI FINANZIARI NON SARANNO MAI EFFICIENTI

Se fossero efficienti (linea nera) avremmo una crescita costante. Ciò che li fa oscillare sono la paura e l'euforia. Infatti i prezzi di mercato non rappresentano il valore reale dei sottostanti ma le emozioni degli investitori. Ma nel lungo termine il valore reale torna sempre in carreggiata.

WB2.jpg
storia dei mercati azionari

rendimenti delle assets di lungo periodo. fonte : morningstar

E' perfetto un rialzo ma è anche perfetta una correzione, di qualsiasi entità, di qualsiasi durata perché i Mercati esigono gestione, esattamente come lo esige il tuo mestiere, la tua famiglia, la tua salute. Coi rialzi guadagni danaro e con le correzioni puoi preparare i futuri guadagni avendo metodo e tempo. Semplice. E' il Ciclo pratico e di sempre dei Mercati.

mercati azionari dopoil 2008 oscillano

Le oscillazioni, o correzioni, non sono un difetto, ma una componente normale dei mercati finanziari. Prima o poi il mercato tornerà ad esprimere con i prezzi il giusto valore. Al di la delle previsioni degli analisti che si sbattono per cercare di azzeccare i trend di breve termine, ci sono prezzi che non si possono spingere oltre determinati livelli, poiché prima o poi i volumi di acquisto torneranno e lo faranno quando meno te lo aspetti. Per fare un esempio nel 2009 ad aprile i mercati azionari tornavano a crescere nel pieno della crisi finanziaria senza alcun motivo.

mercato orso ribassista

BEAR MARKET (MERCATO RIBASSISTA)

Periodo finanziario in cui i mercati girano al ribasso.
-Ribasso <20% è chiamato STORNO
-Ribasso >20% è chiamata CRISI
I Bear Market possono esserci sia in fasi di crescita economica che di recessione. Nella seconda ipotesi ci sono stati i bear market più violenti e lunghi della storia.

mercato toro rialzista

BULL MARKET (MERCATO RIALZISTA)

Periodo finanziario in cui i mercati azionari recuperano la perdita per raggiungere nuovi massimi

Le fasi di espansione durano di più di quelle di contrazione.

Esempio S&P 500 di quasi 100 anni di storia

merc.png

Bear market dal 1950 dello S&P 500 fino ad oggi.

1.png
3.png

I mercati "Orso" diventano sempre mercati "Toro", cioè rialzisti. In media i successivi 12 mesi sono mesi che porteranno enormi guadagni. 
Dal 1994 al 2013, l’indice S&P 500 ha registrato una crescita media del 9,22% all’ anno.Ma se ti sei perso i migliori 10 giorni di rialzo i tuoi rendimenti sono scesi a solo il 5,49% all’ anno.  Se ti sei perso i migliori 20 giorni di rialzo, i tuoi guadagni sono scesi al 3,02%. E se ti sei perso i 30 migliori giorni di rialzo? I tuoi guadagni si sono annullati!
CONCLUSIONE : il più grande pericolo è stare fuori dai mercati .  La paura non viene premiata. Il coraggio e la razionalità sì.

Anche i mercati finanziari hanno gli anticorpi

polinucleati-cartoon.jpg

Dal punto di vista economico-finanziario, la storia insegna, tutte le crisi o oscillazioni negative più o meno marcate dei mercati finanziari non avranno la forza di modificare il normale corso dell'economia mondiale nel lungo periodo, che cresce sempre e risponde puntualmente a situazioni più o meno complicate ATTIVANDO ANTICORPI EFFICACI. Questi anticorpi possono attivarsi quando meno te l'aspetti, come per esempio il discorso di un presidente di una banca centrale, il taglio di tassi ecc..

Niente MARKET TIMING

Uscire dall'investimento durante i cali per cercare di rientrare successivamente non premia.

L'osservatorio di Finanza comportamentale ha paragonato l’andamento di due portafogli uguali di due investitori che hanno adottato due comportamenti diversi: 

1) in arancione l’andamento del portafoglio dell’investitore che è uscito in concomitanza delle quattro principali flessioni dei mercati degli ultimi dieci anni per poi rientrare dopo le rispettive riprese

2) in blu l’andamento del portafoglio di un investitore che non ha mai disinvestito perché ha preferito lasciar passare le tempeste sui mercati.

Screen-Shot-2020-03-02-at-14.46.03-e1583

Come si vede dal grafico, l’assenza del rimbalzo che è avvenuto dopo le cadute durante il periodo considerato, ha portato al portafoglio soggetto ai disinvestimenti un rendimento inferiore del 35% rispetto a quello del portafoglio che è rimasto sempre investito. Non è servito a niente evitare le perdite nel breve termine: uscire dai mercati in questo caso ha significato in definitiva perdersi circa il 60% della crescita del portafoglio. I mercati sono imprevedibili e fluidi per natura e fare MARKET TIMING, ovvero cercare di intercettare il momento giusto per entrare o uscire dai mercati, non riesce neanche ai massimi esperti di finanza ed è una scelta rischiosa per i propri risparmi.

Perdersi le riprese dei mercati può essere molto costoso per chi investe con un orizzonte di lungo termine. A meno che non si sappia esattamente quando rientrare nei mercati, è dimostrato che rimanere investiti durante le flessioni dei mercati premia il risultato finale. Quando vendi azionario non sarai mai sicuro di far bene. Lo farai per paura di perdere ciò che il mercato ti ha regalato sin li, o per avidità pensando di poter poi rientrare a prezzi più bassi. Ma spesso, come dimostrato dalla storia, il mercato continua a salire e, se fosse così, non sarà praticamente MAI PIU' l'ora di rientrare. Quando invece si compra sui drawdown , e se lo si fa per "sempre" senza previsioni di vendita, NON SI SBAGLIA MAI perché si compra sempre a sconto rispetto all'apice precedente.

La conseguenza di questa analisi è, ovviamente, la logica di investimento "life-strategy": come dice Warren Buffet, si compra azionario per non venderlo mai più! (il ribilanciamento è un fatto tecnico)

6

COMPRARE A SALDO NON HA PREZZO.

I cali di mercato rappresentano grandi opportunità da cogliere per incrementare il rendimento atteso.

Nel campo degli investimenti la mente delle persone spesso non ragiona con la dovuta razionalità. Infatti quando ci sono i saldi tutti quanti ne vorremmo approfittare comprando più vestiti possibile poiché siamo fermamente convinti che sia un affare. Perché invece in seguito ad un calo dei mercati azionari il risparmiatore diventa avverso al rischio e non approfitta spesso dei saldi di borsa? proprio per questo è importante la figura del consulente finanziario che deve trasformarsi in psicologo ed essere bravo a riportare il cliente a ragionare con razionalità. Ne beneficerà il rendimento atteso dell'investimento.

aggiuntivo dopo un calo di un fondo azionario
pac calo del mecato
pac aggiutivo dopo un calo

Dal mio canale youtube

Covid19.

La crisi causata dal coronavirus ha portato enormi opportunità sui mercati finanziari. Video mandato ai miei clienti

Ad 1 anno dallo scoppio della pandemia Covid19.

Mercati in forte risalita. Ma ora si fanno i conti con l'inflazione al rialzo.

Il compito di un bravo consulente è frapporsi tra gli obiettivi finanziari e l'emotività distruttiva di valore del cliente.

Non sei soddisfatto della tua banca e dei tuoi rendimenti? Contattami per un check-up gratuito e senza impegno dei tuoi investimenti

WB4.jpg
WB7.jpg

7

RIBILANCIA PERIODICAMENTE IL PORTAFOGLIO

Così consolidi i rendimenti e re-investi sui cali. Incrementerai il rendimento atteso e il portafoglio è più stabile.

RIB.jpg

E' in sostanza una performance commerciale, creata dall'attività sul portafoglio che in linea di massima dovrebbe essere pilotata dal consulente finanziario. Si vendono gli assets in utile per ribilanciare l'asset allocation pre-definita acquistando quelli che hanno performato meno o perso. In questo caso viene creato l'alpha del portafoglio.

MARKS.jpg

8

QUALITA' DI PORTAFOGLIO AL GIUSTO PREZZO.

A fronte di un determinato costo deve corrispondere un portafoglio di qualità

Bisogna sapere che di norma il consulente di banca è spinto dalla propria mandante a collocare prodotti dove la stessa otterrà maggior ritorno, fornendo incentivazioni che avranno come conseguenza quella di non fornire un servizio d'eccellenza al cliente. 
Qualità alta dei propri assets significa rendimenti attesi maggiori e a volte anche minore volatilità. Quindi è importante che ci sia il giusto rapporto tra prezzo e qualità. La qualità di un fondo comune d'investimento è giudicata da un sito molto famoso al mondo, www.morningstar.it nel quale vengono forniti una serie di dati importanti (tipo le stelle) che possono aiutare a capire storicamente le performance offerte dai singoli fondi ma che non danno però garanzia sul futuro. 
I migliori fondi al mondo che per anni hanno confermato la bravura gestoria di regola offrono scarsi incentivi alle banche che li collocano proprio perché non hanno bisogno di questi per vendere le loro quote ai risparmiatori. Quindi una consulenza che non preveda un sistema di remunerazione per il consulente agganciato alla tipologia dei prodotti inseriti nel portafoglio già è un buon punto di partenza. In caso contrario siamo davanti ad un conflitto d'interesse che ha come conseguenza per il cliente quella di non avere la certezza di avere nel proprio portafoglio prodotti di alta qualità ad un giusto prezzo.  Per esempio una banca che colloca solo fondi della propria casa madre è fortemente in conflitto d'interesse. 

RIASSUMENDO..RICORDA

Il RENDIMENTO ATTESO , o performance, è diretta funzione della permanenza in un SEGMENTO DI RISCHIO FINANZIARIO, il quale necessita di un ORIZZONTE TEMPORALE DETERMINATO. Tanto più ampio è l'orizzonte temporale tanto più elevata sarà la remunerazione diversificando in strumenti DI QUALITA' con componente di rischio/rendimento meglio ottimizzata. OSCILLAZIONI O VOLATILITÀ è una caratteristica ( non un difetto! ) delle attività più rischiose che però nel medio/lungo termine rendono di più. Il rischio specifico va eliminato dai portafogli. Ricorda che senza il rischio non c'è rendimento, non esiste un investimento che guadagna sempre. Pianifica il rischio e affronta i drawdown statistici con le dosi di capitale che il tuo profilo di rischio accetta in tempi coerenti e pianificati. Avendone la possibilità, ribilancia periodicamente il rischio per approfittare dei cali fisiologici. 

 

Seguo i miei clienti prevalentemente in tutta Roma e dintorni ma sono operativo anche nel resto d'Italia.

Ti ricevo in filiale quando vuoi o più comodamente sarò io a venire da te garantendoti reperibilità 24 ore su 24.