top of page

VUOI INVESTIRE? INIZIA DA QUI

Chi decide di intraprendere un viaggio finanziario chiamato investimento e vuole farselo da solo senza alcun aiuto, studi il significato di diversificazione, il significato di de-correlazione, come si succedono i vari scenari macro-economici e che impatti hanno sugli assets, il percorso del ritorno alla media cosa implica ecc.. prenda coscienza che questo viaggio potrebbe non essere confortevole, e che potrebbe trovarsi impantanato in un mercato ribassista anche per molti anni perdendo fiducia nei mercati finanziari distruggendo così i propri progetti pianificati. Chi invece desidera essere aiutato ed intraprendere un viaggio confortevole in compagnia, si scelga il proprio autista (consulente finanziario) che lo guidi verso la destinazione. La scelta è importante tanto quanto quando scegli il giusto chirurgo che deve operarti. E lo paghi il giusto, o in maniera implicita o esplicita, la scelta sta a te.

In tutti i casi ci sono poche ma importanti regole da seguire. Vediamole.

1
NIENTE RISCHIO SPECIFICO. IL MIGLIOR ANTIDOTO E' DIVERSIFICARE  (SICAV, ETF ED ETC)

Un portafoglio ben diversificato non risente della crisi di un mercato specifico e cogli le migliori opportunità. Una ricetta, per riuscire bene, oltre che alla giusta posologia ha bisogno di buoni ingredienti.

Elimina più rischi che puoi. Essendo risparmi della propria vita infatti non ha senso rimetterne le sorti sulla singola azienda, anche se quell'azienda oggi è florida e il titolo va bene. Perchè potrà succedere qualsiasi cosa nel tempo che potrà farne scendere improvvisamente le quotazioni o addirittura fallire e perdere tutti i soldi. Quindi.. niente rischio specifico tipico dei titoli azionari od obbligazionari. Il rischio specifico si elimina con un'ampia diversificazione. Hai le competenze per farlo? hai la possibilità di investire in tutti i mercati mondiali? un'ampia diversificazione potrebbe costarti cara a causa delle commissioni di compravendita dei numerosi titoli.

NNN.jpg

Il rischio specifico si elimina con ETF,Fondi, sicav

Rispondono al detto sempre valido di non mettere tutte le uova nello stesso paniere. Facendo un esempio, di vita pratica, se io avessi un capitale di 100.000 euro e volessi investirli in un bar di Roma concentrerei il mio rischio su quel bar. Discorso diverso se con gli stessi 100.000 euro comprassi quote dei bar più promettenti o più importanti sparsi in tutta Italia, quote di farmacie, di supermercati, di tabaccai, ristoranti ecc.. In quest' ultimo caso il mio rischio è pressoché nullo. Ebbene se invece dei bar traslassimo il discorso su titoli azionari, obbligazionari e altri strumenti d'investimento ecco spiegato il vero vantaggio dei fondi e degli Etf.

Per lo stesso motivo per il quale affidi le cause giudiziarie ad un avvocato, le pratiche fiscali ad un commercialista, se non hai le competenze sopra citate basterebbe affidare i tuoi capitali ai professionisti della finanza che applichino in maniera professionale la diversificazione o affidarsi ad un indice che replica le performance di un intero mercato. 

Un fondo comune e un ETF sono strumenti finanziari paragonabili a un grande salvadanaio dove confluiscono le risorse di molti risparmiatori.

Fondo o sicav

  • Il gestore di un fondo seleziona i titoli di un indice che reputa più promettenti. Il suo scopo è quello di battere l'indice (benchmark)

Diapositiva2.JPG
  • I costi di un fondo sono più alti di quelli di un etf

  • La remunerazione della banca potrebbe essere in conflitto di interesse che la spinge a collocare tale prodotto.

  • Non si conoscono tutti i titoli in cui investe il fondo: non c'è trasparenza gestoria ma piena delega al gestore.

ETF ed ETC

  • L'etf non è un gestore. Tale strumento si limita a replicare l'andamento dell'intero indice. Sono strumenti molto semplici e facili da capire. Pensa a loro come ad un benchmark.

Diapositiva1.JPG
  • I costi di un ETF sono più bassi di quelli di un fondo

  • La banca non ha remunerazione quindi il consulente può seguire un portafoglio con un contratto in consulenza grazie al quale viene eliminato qualsiasi conflitto di interesse.

  • C'è trasparenza sui titoli e sul mercato in cui investe.

Non esiste una soluzione migliore dell'altra. Statisticamente l'80% dei fondi e sicav non riesce negli anni a battere il suo benchmark. Quindi se non si prendono etf, il fondo o la sicav devono essere scelti bene e monitorati, o comunque il loro ruolo nel portafoglio deve avere un'importanza talmente forte da non poterne fare a meno. 

2
AFFIDATI AD UN CONSULENTE CON COMPETENZE CERTIFICATE DI UNA BANCA SPECIALIZZATA

Diffida di chi fa previsioni, non esistono i guru. L'esperienza e le competenze, se certificate da enti terzi, sono una garanzia, come i strumenti che ha a disposizione.

Nel campo della finanza nessuno è in grado di fare previsioni certe. Investire non significa avere la dritta da chi ti farà diventare ricco. Certo si possono intuire le tendenze di fondo (come per esempio in caso di tassi bassi l’azionario è probabile che performi bene, come possibile che nello stesso caso il settore obbligazionario sarà sofferente un domani che i tassi saranno alzati) ma lo scopo di un portafoglio efficiente è quello di ottenere buone performance in tutte le fasi del ciclo macroeconomico, mantenendo sempre volatilità e rischio il più possibile bassi. Infatti nessuno può prevedere il futuro, da qui la necessità di un portafoglio che mitighi l'impatto finanziario di eventi economici imprevisti, noti come eventi del cigno nero, come si prefigge per esempio il portafoglio all weather di Ray DalioProprio per questo si dovrebbe evitare di dar fiducia a persone che millantano doti professionali predittivi sul dove investire. In tal maniera si eviterebbe di fare enormi danni al proprio investimento. 

Strisce blu su bianco
lillo_edited.png

Le performance le creano i mercati finanziari. Un bravo consulente finanziario non fa previsioni ma crea portafogli con assets allocations in linea con i bisogni. Gestisce comportamenti ed emozioni del cliente per generare performance attese in linea con le dovute scadenze. 

 Il consulente finanziario invece potrà consigliarti costruendo un portafoglio in base agli obiettivi finanziari e di vita, come cucire un vestito su misura,  e supportarti nei periodi difficili dove l’emotività potrebbe distruggere il valore intrinseco dei propri investimenti. 

Quando si investe il cervello di chi investe richiede guadagno, possibilmente nel più breve tempo possibile e senza oscillazioni. In realtà quando si investe si compra rischio sul mercato

"Se si riducono  le fluttuazioni nel portafoglio di investimenti si riduce anche l'impatto delle emozioni e del comportamento sull'investimento"

- Jack Bogle

 

Proprio per l’importanza del ruolo, ognuno vorrebbe che i propri interessi siano curati da un professionista preparato. La preparazione non è implicita per il solo fatto di lavorare in un’ istituto finanziario. Quindi diventano importanti l’esperienza, il percorso accademico, la tipologia di carriera e le certificazioni in possesso che ne dimostrano in maniera OGGETTIVA le competenze. La certificazione EFA può essere utile per capire se il proprio consulente detiene standard elevati professionali ,ma non è tutto. La banca per la quale lavora deve essere specializzata nel campo e offrire strumenti all'avanguardia. Infatti anche il miglior chirurgo al mondo se non ha a disposizione gli attrezzi del suo mestiere non potrebbe portare a buon fine un’operazione.

Se sei interessato a conoscermi meglio visita la pagina dedicata al mio profilo.

3
INFORMATI SUI CONFLITTI DI INTERESSE DEL TUO CONSULENTE E SU COME SUPERARLI

Capire come viene remunerato il consulente finanziario che segue i tuoi investimenti è fondamentale per essere coscienti della genuinità delle proposte e delle operazioni che vengono fatte. 

In Italia il 45% degli investitori non sa come viene remunerato il proprio consulente finanziario, mentre il 37% crede che il servizio sia addirittura gratuito.

Anche questo denota lo scarso livello di educazione finanziaria in Italia. 

Per fare chiarezza, la quasi totalità del mercato italiano funziona su commissioni in funzione del prodotto venduto dal consulente/private banker. In sostanza il cliente paga (alla banca o emittente del prodotto) una commissione di sottoscrizione (ma che può essere anche azzerata discrezionalmente dal consulente) e una commissione di gestione annua in funzione del patrimonio investito che il cliente non vede in quanto addebitata all'interno del prodotto stesso. Tali commissioni vanno a ridurre semplicemente il rendimento del prodotto stesso. Il consulente finanziario percepisce una percentuale di tale commissione dalla sua banca. In tal caso il consulente potrebbe essere spinto a collocare prodotti a maggior retrocessione (fondi e sicav) per lui configurandosi un conflitto di interesse che potrebbe non combaciare con quello del cliente.

Poi esiste la categoria del consulente indipendente, pagato esclusivamente dal cliente con una parcella in cui l'interesse coincide in maniera certa con quella del cliente (non esistono conflitti di interesse). Nei paesi anglosassoni la consulenza a parcella rappresenta la maggioranza rispetto a quella a retrocessione, e tutti i conflitti di interesse sono messi a conoscenza del cliente ( anche da noi effettivamente). In tal caso i prodotti più collocati risultano essere gli etf. Infatti gli etf non danno retrocessioni alla banca e hanno, proprio per il fatto che replicano passivamente dei mercati, una commissione di gestione più bassa. In tal caso il consulente è remunerato con la parcella.

Qual'è il migliore? A mio avviso non esiste una soluzione migliore delle altre poichè le variabili in gioco sono molte. A mio avviso la cosa importante è la funzione che devvono avere le assets in un portafoglio

La differenza sta nel tipo di strumenti e nell'addebito dei costi in relazione alla sua remunerazione. 

Consulente indipendente

financial advisor2.JPG

Applica una parcella in rapporto al patrimonio messo a disposizione ( investito+liquidità) per essere investito. Quella è la sua remunerazione. Per es. 1%, e viene addebitato sul conto.

Utilizza etf ed etc. Se utilizzasse fondi sarebbe più oneroso di un consulente finanziario/private banker.

Statisticamente l'80% dei fondi non riesce a battere il benchmark a fronte del maggior costo.

QQ.JPG

Tale esempio è a puro scopo esemplificativo e non reale

Consulente/Private b. bancario

financial advisor.JPG

Viene remunerato in base al patrimonio investito e allo strumento utilizzato. L'addebito non passa sul conto ma viene decurtato dal patrimonio investito.

Utilizza prettamente fondi comuni e sicav. Se utilizzasse etf non avrebbe remunerazione.

Statisticamente l'80% dei fondi non riesce a battere il benchmark a fronte del maggior costo.

WW.JPG

Tale esempio è a puro scopo esemplificativo e non reale

La differenza quindi sta nel come vuoi pagare i costi e che tipo di strumento prediligi. L'addebito dei costi sul conto è trasparente, sai quanto paghi, ed elimini il possibile conflitto di interesse in relazione ai strumenti utilizzati. E' vero che hai l'addebito sul conto, ma è anche vero che il costo totale è minore. Se non digerisci la parcella sul conto allora pagherai di più ma non lo vedrai. Credo che la decisione spetti al cliente. Pur tuttavia lavorare a parcella per un consulente finanziario è più professionale e consente di lavorare al 100% nell'interesse del cliente.

Strisce blu su bianco
lillo_edited.png

Sono abilitato dalla mia banca alla consulenza evoluta con cui posso operare anche al pari di un consulente finanziario indipendente remunerato a parcella, selezionando per te i migliori prodotti (ETF, ETC, Fondi) senza vincoli di scelta e a zero commissioni di compravendita, ma con il vantaggio di avere tutto incluso in un unico rapporto bancario, garantendoti supporto continuo nel tempo. 

4
RISPETTA SEMPRE L'ORIZZONTE TEMPORALE PIANIFICATO CON LUCIDITA'

Le flessioni dei mercati sono fisiologiche. L'emotività distrugge il valore degli investimenti.

Quando si parla di fondi o ETF il concetto di rischio deve essere inteso come volatilità. Infatti se è vero che il rischio specifico grazie alla grande diversificazione e selezione è eliminato, rimane il RISCHIO SISTEMICO, detto anche rischio generico, ovvero eventi che hanno un' influenza di carattere talmente ampio da influenzare alcune e a volte tutte le tipologie di mercati, dall'azionario all'obbligazionario perché di fatto non è eliminabile, è la rappresentazione della congiuntura economica mondiale, i saliscendi delle Borse e le inefficienze che caratterizzano il sistema finanziario nel suo complesso . Rappresenta quella parte di variabilità del valore degli investimenti che dipende dalle fluttuazioni dei mercati, le quali hanno un impatto su qualsiasi titolo a prescindere dalla sua qualità. Se la Borsa è in calo, è molto probabile che un tale scenario impatterà anche sull’ andamento del mio titolo. Ecco spiegato il fatto che prima di investire si deve aver ben chiaro l'orizzonte temporale da rispettare

brexit.jpg
LEHM  .JPG

Ciò che fa oscillare i mercati sono la paura e l'euforia. Infatti i prezzi di mercato non rappresentano il valore reale dei sottostanti ma le emozioni degli investitori. Ma nel lungo termine il valore reale torna sempre in carreggiata.

volatilità dei mercati finanziari
SISTEM.png
mercati azionari dopoil 2008 oscillano

Nel breve i mercati finanziari sanno essere imprevedibili e sorprendenti per la sua irrazionalità, ma su orizzonti temporali lunghi annoiano molto per la loro regolarità, nel senso che si muovono con regolarità ciclica premiando chi investe nelle attività più volatili e per questo a più valore aggiunto (azionario). E' il cosidetto ritorno alla media che prima o poi farà tornare i valori oltre il loro picco massimo precedente.

hh.jpg
warren buffet

Il prezzo è quello che paghi,

il valore quello che ottieni.

Warren Buffet

Chi non decide a priori il tempo nel quale detenere un investimento è preda della volatilità di BREVE TERMINE (short term bias). Si tratta di una ricorrenza frequente e pericolosa perché spinge le persone ad agire sulla base dell'emotività e della paura e non della razionalità. Proprio per questo un bravo consulente prima di proporre un investimento deve far presente i possibili scenari e testare la tolleranza del cliente alle oscillazioni, ma sopratutto deve essere disponibile a fornire spiegazioni razionali tali da non permettere al cliente di agire sull' onda dell'emotività.Costruire un modello comportamentale di investimento (asset strategica)  è la cosa più sana che il risparmiatore accorto può fare.

emotività negli investimenti
Strisce blu su bianco
lillo_edited.png

E' la capacità di gestire le "oscillazioni negative" di BREVE termine che genera grandi performance nel LUNGO TERMINE. La cosa più importante prima di investire è capire la natura dei mercati sui quali si investe. Infatti è il comportamento del risparmiatore che determina il risultato dei suoi investimenti !! 

Sono i mercati finanziari che creano le performance..

ma sono i giusti comportamenti che le afferrano

capacità di gestire perdite investimento atteggiamenti paura

Ragiona con razionalita'. Evita i telegiornali.

ll.jpg

Vedrai soltanto ciò che i TG vogliono, ricordatelo. Loro hanno l'obiettivo di massimizzare l'audience. I tuoi obiettivi sono altri.

Il segreto dell’investitore consapevole: La Finanza e‘ contro-intuitiva.

Altrimenti guadagnerebbero tutti. Invece NO.

Guadagnano i capaci, quelli che seguono una pianificazione razionale, quelli che fanno il contrario di quello che dice il Tg, quelli che si disinteressano delle proprie emozioni o addirittura fanno il contrario di esse senza pensare ai "se" e ai "ma".

omino 2.jpg
omino1.jpg
come vede un investimento un italiano
il rendimento di un investimento in una vignetta
Strisce blu su bianco
lillo_edited.png

La sicurezza e la garanzia di rendimento non dipendono dallo strumento o prodotto, ma da un comportamento corretto, un atteggiamento razionale e consapevole

Spesso è solo questione di prospettive

comport.jpg

Non farti influenzare dai Bias

Il comportamento medio del risparmiatore non sarà in grado da solo di catturare le performance il il mercato nel tempo regalerà. Infatti il suo comportamento sarà condizionato da decine di bias. I "mismatch" principali distruttivi di performance sono:

  • la ricerca di rendimento nel breve periodo

  • la richiesta di un tasso obbligazionario certo

  • il controllo delle performance nel breve periodo

  • la non comprensione dell'oscillazione, delle performance negative specialmente se persistenti

  • l'incapacità di valutazione della congruenza performance/benchmarks

  • la credenza che eventi di breve periodo incidano su quelli di lungo periodo

5
I MERCATI FINANZIARI RISALGONO..SEMPRE!

E lo fanno anche rapidamente. Se perdi il rimbalzo rischi di compromettere la strategia di lungo termine.

Le oscillazioni sono una componente ordinaria del gioco. Invece di vivere nella paura ordinaria di esse, dobbiamo accettarle come eventi normali e regolari, come all' inverno segue sempre l'estate. Questa è la lezione di più di 100 anni di storia.

dopo l'inverno arriva sempre l'estate, anche nei mercati finanziari

Da come si evince i periodi blu (calo) sono meno lunghi di quelli rossi (salita). Quindi in un 'ottica di lungo termine i cali diventano delle formidabili opportunità perché  nel lungo periodo la tendenza sarà SEMPRE quella di crescere 

msci index nel lungo termine sale sempre

L’indice MSCI World è un indice di mercato azionario di 1612 titoli di livello globale. È sostenuto dallaMSCI, ex Morgan Stanley Capital International ed è usato come metro di misura (benchmark) per i fondi azionari di tipo “world” (mondiali) o “global” (globali). L’indice include una raccolta di titoli azionari di tutti i mercati dei paesi sviluppati nel mondo come definito dall’MSCI. L’indice comprende titoli di 23 paesi esclusi i titoli provenienti da economie di frontiera o emergenti

Le oscillazioni, o correzioni, non sono un difetto, ma una componente normale dei mercati finanziari. Prima o poi il mercato tornerà ad esprimere con i prezzi il giusto valore. Al di la delle previsioni degli analisti che si sbattono per cercare di azzeccare i trend di breve termine, ci sono prezzi che non si possono spingere oltre determinati livelli, poiché prima o poi i volumi di acquisto torneranno e lo faranno quando meno te lo aspetti. Per fare un esempio nel 2009 ad aprile i mercati azionari tornavano a crescere nel pieno della crisi finanziaria senza alcun motivo.

Le fasi rialziste (toro) e ribassiste (orso) si alterneranno sempre nel tempo, è la caratteristica dei mercati che nel lungo termine esprimeranno il loro valore reale. Il prezzo è diverso dal valore.

Image by mana5280

BEAR MARKET (mercato ribassista)

Il mercato ORSO prende il nome dal modo in cui un orso attacca la sua preda, facendo scorrere le zampe verso il basso. Questo è il motivo per cui i mercati con prezzi delle azioni in calo sono chiamati mercati ribassisti.

Periodo finanziario in cui i mercati girano al ribasso.-Ribasso <20% è chiamato STORNO-

Ribasso >20% è chiamata CRISII

Bear Market possono esserci sia in fasi di crescita economica che di recessione. Nella seconda ipotesi ci sono stati i bear market più violenti e lunghi della storia

Image by Hans Eiskonen

BULL MARKET (mercato rialzista)

Il mercato TORO prende il nome dal modo in cui un TORO attacca lanciando le corna in aria verso l'alto. Questo è il motivo per cui i mercati con prezzi delle azioni in rialzo sono chiamati mercati rialzisti.

Periodo finanziario in cui i mercati azionari recuperano la perdita per raggiungere nuovi massimi. La durata finanziaria dei rialzi è notevolmente più lunga in senso temporale. 

a2_edited.jpg
a1_edited.jpg

I mercati "Orso" diventano sempre mercati "Toro", cioè rialzisti. In media i successivi 12 mesi sono mesi che porteranno enormi guadagni. 
Dal 1994 al 2013, l’indice S&P 500 ha registrato una crescita media del 9,22% all’ anno.Ma se ti sei perso i migliori 10 giorni di rialzo i tuoi rendimenti sono scesi a solo il 5,49% all’ anno.  Se ti sei perso i migliori 20 giorni di rialzo, i tuoi guadagni sono scesi al 3,02%. E se ti sei perso i 30 migliori giorni di rialzo? I tuoi guadagni si sono annullati!
CONCLUSIONE : il più grande pericolo è stare fuori dai mercati .  La paura non viene premiata. Il coraggio e la razionalità sì.

Anche i mercati finanziari hanno gli anticorpi. Infatti dal punto di vista economico-finanziario, la storia insegna, tutte le crisi o oscillazioni negative più o meno marcate dei mercati finanziari non avranno la forza di modificare il normale corso dell'economia mondiale nel lungo periodo, che cresce sempre e risponde puntualmente a situazioni più o meno complicate ATTIVANDO ANTICORPI EFFICACI. Questi anticorpi possono attivarsi quando meno te l'aspetti, come per esempio il discorso di un presidente di una banca centrale, il taglio di tassi ecc..

E' perfetto un rialzo ma è anche perfetta una correzione, di qualsiasi entità, di qualsiasi durata perché i Mercati esigono gestione, esattamente come lo esige il tuo mestiere, la tua famiglia, la tua salute. Coi rialzi guadagni danaro e con le correzioni puoi preparare i futuri guadagni avendo metodo e tempo. Semplice. E' il Ciclo pratico e di sempre dei Mercati.

Le fasi di espansione durano di più di quelle di contrazione.

Esempio S&P 500 di quasi 100 anni di storia:

merc.png

Se fallisse una banca Americana, se ci fosse la Brexit, se l'Italia fosse vicina al fallimento,se crollassero le torri gemelle, se scoppiasse una guerra ecc ...

...secondo te aziende come Mc Donalds, Apple, Amazon...ecc non faranno più utili e falliranno? 

La gente dopotutto continuerà a mangiare, a spendere soldi per prodotti di aziende che a loro volta produrranno utili. Ecco perché i cali sistemici dei mercati non devono spaventare, anzi sono ottime opportunità di investimento o per incrementare i propri investimenti. Infatti il RISCHIO di un fondo comune è diverso da quello di un singolo titolo.

quotazione.jpg

I bear market si susseguono nel tempo. Invece di evitarli conviene accettarli come perte del gioco.

1.png
2.png
3.png

Uscire dall'investimento durante i cali per cercare di rientrare successivamente non premia (Market timing)

L'osservatorio di Finanza comportamentale ha paragonato l’andamento di due portafogli uguali di due investitori che hanno adottato due comportamenti diversi: 

1) in arancione l’andamento del portafoglio dell’investitore che è uscito in concomitanza delle quattro principali flessioni dei mercati degli ultimi dieci anni per poi rientrare dopo le rispettive riprese

2) in blu l’andamento del portafoglio di un investitore che non ha mai disinvestito perché ha preferito lasciar passare le tempeste sui mercati.

Screen-Shot-2020-03-02-at-14.46.03-e1583

Come si vede dal grafico, l’assenza del rimbalzo che è avvenuto dopo le cadute durante il periodo considerato, ha portato al portafoglio soggetto ai disinvestimenti un rendimento inferiore del 35% rispetto a quello del portafoglio che è rimasto sempre investito. Non è servito a niente evitare le perdite nel breve termine: uscire dai mercati in questo caso ha significato in definitiva perdersi circa il 60% della crescita del portafoglio. I mercati sono imprevedibili e fluidi per natura e fare MARKET TIMING, ovvero cercare di intercettare il momento giusto per entrare o uscire dai mercati, non riesce neanche ai massimi esperti di finanza ed è una scelta rischiosa per i propri risparmi.

Perdersi le riprese dei mercati può essere molto costoso per chi investe con un orizzonte di lungo termine. A meno che non si sappia esattamente quando rientrare nei mercati, è dimostrato che rimanere investiti durante le flessioni dei mercati premia il risultato finale. Quando vendi azionario non sarai mai sicuro di far bene. Lo farai per paura di perdere ciò che il mercato ti ha regalato sin li, o per avidità pensando di poter poi rientrare a prezzi più bassi. Ma spesso, come dimostrato dalla storia, il mercato continua a salire e, se fosse così, non sarà praticamente MAI PIU' l'ora di rientrare. Quando invece si compra sui drawdown , e se lo si fa per "sempre" senza previsioni di vendita, NON SI SBAGLIA MAI perché si compra sempre a sconto rispetto all'apice precedente.

La conseguenza di questa analisi è, ovviamente, la logica di investimento "life-strategy": come dice Warren Buffet, si compra azionario per non venderlo mai più! (il ribilanciamento è un fatto tecnico)

i migliori giorni di borsa

Quindi le cose giuste da fare  sono:

  • Rimanere fermi senza far nulla e aspettare che la volatilità alta lasci spazio alla razionalità dei mercati che prima o poi riallineeranno i prezzi ai giusti valori. Bisogna rispettare l'orizzonte temporale che si è pianificato.

  • Se si ha la possibilità di avere liquidità aggiuntiva, aggiungere durante le fasi di ribasso per aumentare rendimento atteso e diminuire il recovery period (tempo di recupero).

  • Il ribilanciamento è solo un fattore tecnico, non  è market timing. Ribilanciare il portafoglio nelle fasi alte, di guadagno, aiuta l'investimento semplicemente ad essere coerente con il proprio profilo di rischio.

Strisce blu su bianco
lillo_edited.png

Quando sale si compra (e invece bisognerebbe consolidare o ribilanciare). Quando scende si ha paura e si vende (e invece si dovrebbe comprare). Si chiama paura di perdere e avidità di non guadagnare mai abbastanza.

Il compito di un bravo consulente è frapporsi tra gli obiettivi finanziari e l'emotività distruttiva di valore del cliente.

Il market timing è sconveniente anche nelle fasi di rialzo

Perché non è trading. Si investe sempre per orizzonti temporali LUNGHI proprio perché nel breve  periodo i prezzi si possono discostare anche di molto da quello che effettivamente è il valore reale dei propri investimenti. E pensare di uscire anche  al prossimo rialzo per sperare di rientrare in futuro alla prossima correzione è controproducente. Si rischia di perdere opportunità di guadagno. Sempre poi se una correzione ci sarà di li a pochi anni, e sempre se la correzione sarà più profonda rispetto al punto di uscita, e sempre se si ha la fortuna di azzeccare esattamente il punto di inversione (ad oggi nessuno è in grado di prevedere il futuro) successivo alla discesa.

mark tim.png

Anche se poi si dovesse presentare veramente l'opportunità di rientrare in seguito ad un calo dei mercati, la nostra testa giocherà sempre un ruolo fondamentale nel non farci cogliere l'opportunità. Per esperienza vissuta, molti investitori pur avendo liquidità pronta per essere reinvestita, hanno sempre paura nell'entrare con tutto il capitale poichè, essendo bombardati dai mass media di notizie negative, si bloccano per paura di non azzeccare il punto minimo. Le scuse negli anni sono le più disparate, ma l'epilogo è sempre lo stesso: opportunità persa.

1992

L'ITALIA STAVA PER FALLIRE.

Ma che sei matto? Soros ci manderà a gambe all'aria. Per ora vedo cosa accadrà e poi forse investirò di nuovo qualcosa.

2002

TORRI GEMELLE E BIN LADEN.

Ma che sei matto? Con la guerra, il terrorismo. Investo una piccola parte, non si sa mai che succede qualcosa qui in Italia.

2011

SPREAD BTP-BUND TEDESCO.

Ma che sei matto? Stiamo per fallire. Faremo la fine della Grecia se non peggio. Forse se non falliremo qualcosa investo.

2020

PANDEMIA E LOCK-DOWN.

Ma che sei matto? Sarà un disastro mondiale. Investo meno della metà perchè non si sa mai come andrà a finire con il virus.

2020

GUERRA E IPER-INFLAZIONE.

Ma che sei matto? Con la guerra e l'inflazione senza fine? se scoppia la 3 guerra mondiale? Per ora entro solo con 1/3, non si sa mai

Quindi le cose giuste da fare  sono:

  • Rispettare il proprio orizzonte temporale e permettere nel lungo termine al rendimento di crescere anche al fattore capitalizzazione composta.

  • Se si ha la possibilità di avere liquidità aggiuntiva, aggiungere solo dopo eventuali correzioni future, o al massimo investirli in assets decorrelati o con volatilità attesa bassa. A tal proposito vedi il video sul decumulo.

  • Il ribilanciamento è solo un fattore tecnico, non  è market timing. Ribilanciare il portafoglio nelle fasi alte, di guadagno, aiuta l'investimento semplicemente ad essere coerente con il proprio profilo di rischio. A tal proposito vedi il mio video sul ribilanciamento.

6
COMPRARE A PREZZI DA SALDO NON HA PREZZO

I cali di mercato rappresentano grandi opportunità da cogliere per incrementare il rendimento atteso.

Nel campo degli investimenti la mente delle persone spesso non ragiona con la dovuta razionalità. Infatti quando ci sono i saldi tutti quanti ne vorremmo approfittare comprando più vestiti possibile poiché siamo fermamente convinti che sia un affare. Perché invece in seguito ad un calo dei mercati azionari il risparmiatore diventa avverso al rischio e non approfitta spesso dei saldi di borsa? proprio per questo è importante la figura del consulente finanziario che deve trasformarsi in psicologo ed essere bravo a riportare il cliente a ragionare con razionalità. Ne beneficerà il rendimento atteso dell'investimento.

aggiuntivo dopo un calo di un fondo azionario
pac calo del mecato
pac aggiutivo dopo un calo
AZAC_edited.png

COMPRA TEMPO:

significa non stare lì tutti i giorni (ore o minuti)  a guardare come stanno andando i nostri investimenti, ma lasciarli respirare nel periodo che abbiamo deciso di assegnare loro per generare un utile.

ACCETTA LE OSCILLAZIONI: significa approfittare quando i prezzi sono bassi e provare ad accumulare proprio in quei periodi, piuttosto che impaurirsi e scappare.

Insomma con i propri investimenti bisogna agire come un imprenditore che incrementa gli acquisti quando le merci calano di prezzi. Come il buon padre di famiglia che compra più abiti durante i saldi.

La borsa è l’unico negozio al mondo dove in tempo di saldi non entra mai nessuno, salvo poi avere “file chilometriche” quando i prezzi sono ai massimi!

vignetta fila.JPG
Warren-Buffet1_edited.jpg

WARREN BUFFET

"Basta avere paura quando gli altri sono avidi ed essere avidi quando gli altri hanno paura"

sir.png

SIR JOHN TEMPLETON

"Compra durante i periodi di pessimismo"

I mercati "TORO" nascono dal pessimismo, crescono con lo scetticismo, maturano nell'ottimismo e muoiono nell'euforia. Il periodo di massimo pessimismo è il migliore per comprare e il periodo di massimo ottimismo è il migliore per vendere.

Warren-Buffet1.jpeg

WARREN BUFFET

I mercati finanziari sono uno strumento per trasferire denaro dagli impazienti ai pazienti

Dal mio canale youtube

Covid19.

La crisi causata dal coronavirus ha portato enormi opportunità sui mercati finanziari. Video mandato ai miei clienti

Ad 1 anno dallo scoppio della pandemia Covid19.

Mercati in forte risalita. Ma ora si fanno i conti con l'inflazione al rialzo.

3
AVENDONE LA POSSIBILITA' DE-CORRELA LE ASSETS

Così il tuo portafoglio è più stabile e puoi ribilanciare in diverse fasi di mercato approfittando dei cali

Diversificare non basta. Avere assets decorrelati nel portafoglio significa avere strumenti che sono tra loro indipendenti, che non dipendono da un unico mercato. Infatti se detengo fondi azionari diversificati in più aree geografiche, non sono immune ad un brusco calo del settore azionario a livello globale, ovvero non sono al riparo dal rischio sistemico, l'unico rischio purtroppo non eliminabile. Avrò quindi un portafoglio più volatile e non potrò approfittare del calo. Se invece nel mio portafoglio ho delle assets che si muovono indipendentemente l'uno dall'altro e con diversi gradi di volatilità il portafoglio sarà più stabile e potrò valutare un ribilanciamento del rischio approfittando dei cali.

decorrelazone

Per avere assets de-correlati bisogna prima conoscere la macroeconomia e la sensibilità che le singole asset hanno tra loro (correlazioni) in relazione anche allo scenario macro. Sapere come si muoveranno aiuterà il portafoglio ad oscillare meno ed essere quindi più resilienti ad improvvisi cambi di scenario. 

Un ciclo economico è lo stato generale dell'economia che attraversa quattro fasi in un modello ciclico.

Tale modello consente di capire come si muove il mondo degli investimenti in relazione all’alternarsi di fasi economiche. In particolare, il ciclo economico si compone di quattro fasi, che si alternano nel corso del tempo:

  • Ripresa

  • espansione

  • Recessione

  • Depressione

Queste fasi rappresentano quindi la crescita e decrescita del pil. In concomitanza di queste fasi gioca un ruolo importante l'inflazione. Infatti in un ciclo economico le variabili da attenzionare sono proprio i dati economici e quelli relativi all'inflazione.

ciclo economico.jpg

In funzione della fase storica gli asset finanziari performano in maniera nettamente diversa. Secondo una ricerca del governo statunitense, il ciclo economico in America dura in media circa 5 anni e mezzo (dalla seconda guerra mondiale).

Per avere un'idea guarda come si comporta il portafoglio all weather di Ray Dalio.

𝐒𝐞 𝐬𝐢 𝐫𝐢𝐝𝐮𝐜𝐨𝐧𝐨 𝐥𝐞 𝐟𝐥𝐮𝐭𝐭𝐮𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐢 𝐧𝐞𝐥 𝐭𝐮𝐨 𝐩𝐨𝐫𝐭𝐚𝐟𝐨𝐠𝐥𝐢𝐨 𝐝𝐢 𝐢𝐧𝐯𝐞𝐬𝐭𝐢𝐦𝐞𝐧𝐭𝐢, 𝐬𝐢 𝐫𝐢𝐝𝐮𝐜𝐞 𝐚𝐧𝐜𝐡𝐞 𝐥'𝐢𝐦𝐩𝐚𝐭𝐭𝐨 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐞 𝐞𝐦𝐨𝐳𝐢𝐨𝐧𝐢 𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐜𝐨𝐦𝐩𝐨𝐫𝐭𝐚𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐬𝐮𝐥 𝐭𝐮𝐨 𝐢𝐧𝐯𝐞𝐬𝐭𝐢𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨.

- 𝐉𝐚𝐜𝐤 𝐁𝐨𝐠𝐥𝐞

7
RIBILANCIAMENTO DEL PORTAFOGLIO E RITORNO ALLA MEDIA

Così consolidi i rendimenti e re-investi sui cali. Incrementerai il rendimento atteso e il portafoglio è più stabile.

RIB.jpg

E' in sostanza una performance commerciale, creata dall'attività sul portafoglio che in linea di massima dovrebbe essere pilotata dal consulente finanziario. Si vendono gli assets in utile per ribilanciare l'asset allocation pre-definita acquistando quelli che hanno performato meno o perso. In questo caso viene creato l'alpha del portafoglio.

MARKS.jpg

RIASSUMENDO..RICORDA

Il RENDIMENTO ATTESO , o performance, è diretta funzione della PERMANENZA IN UN SEGMENTO DI RISCHIO FINANZIARIO, il quale necessita di un ORIZZONTE TEMPORALE DETERMINATO. Tanto più ampio è l'orizzonte temporale tanto più elevata sarà la remunerazione diversificando in strumenti con componente di rischio/rendimento meglio ottimizzata. OSCILLAZIONI O VOLATILITÀ è una CARATTERISTICA (non un difetto!) delle attività più rischiose che però nel medio/lungo termine rendono di più. Pianifica il rischio e affronta i drawdown statistici (oscillazioni negative) con le dosi di capitale che il tuo profilo di rischio accetta in tempi coerenti e pianificati. Il rischio specifico va eliminato dai portafogli. Ricorda che senza il rischio non c'è rendimento, non esiste un investimento che guadagna sempre. Pianifica il rischio e affronta i drawdown statistici con le dosi di capitale che il tuo profilo di rischio accetta in tempi coerenti e pianificati. Avendone la possibilità, ribilancia periodicamente il rischio per approfittare dei cali fisiologici. 

Per far tutto questo, affidati ad un consulente finanziario CERTIFICATO EFA. LE COMPETENZE DI CHI OPERA NEL SETTORE O IN FILIALE NON SONO CERTIFICATE DA NESSUNO, l'addetto alla consulenza è referenziato solo dal brand della banca. Infatti la consulenza consiste normalmente nel vendere ciò che serve alla banca. EFPA è il più autorevole organismo professionale a livello europeo che certifica altissimi standard professionali del financial advisor. Il processo di formazione e aggiornamento è continuo e costante nel tempo e garantisce al cliente competenze di livello assoluto.

Libri consigliati

Seguo i miei clienti prevalentemente in tutta Roma e dintorni ma sono operativo anche nel resto d'Italia. La tecnologia ci viene incontro e tutti i servizi che offre la mia banca possono essere attivati senza problemi per via telematica a partire dall' apertura del conto corrente, fino alla gestione del portafoglio o del piano pensionistico garantendoti consulenza costante e reperibilità 24 ore su 24.

Gli appuntamenti potranno essere svolti in qualsiasi momento con l'ausilio di qualsiasi piattaforma di comunicazione a distanza e se abiti a Roma e dintorni ti ricevo anche in filiale quando vuoi o più comodamente sarò io a venire da te garantendoti privacy.

bottom of page