COMPARTO PRUDENTE BILANCIATO O DINAMICO ?

 Le risorse versate nel fondo pensione integrativo vengono investite e generano rendimenti accumulando nello stesso tempo vantaggi fiscali. Maturati i requisiti per il pensionamento nel sistema obbligatorio di appartenenza, si potrà così contare non solo sulla propria pensione pubblica ma anche su una pensione complementare. Ogni fondo pensione ha diverse linee di investimento che si distinguono per l'utilizzo di diversi strumenti finanziari.

COMPARTO PRUDENTE O GARANTITO O OBBLIGAZIONARIO

Prevedono l’investimento principalmente in titoli di debito (obbligazioni) sia di lungo, medio e breve termine. A fronte di una minore volatilità il rendimento atteso è basso. Tale investimento è adatto per chi ha pochi anni davanti prima della pensione. E' tipicamente un investimento di breve termine.

COMPARTO BILANCIATO

la gestione degli investimenti è bilanciata tra titoli obbligazionari e azionari. A fronte di una maggiore volatilità rispetto alla linea prudente, il rendimento atteso cresce. Tale investimento è adatto per chi ha almeno 5-7 anni davanti prima della pensione. E' tipicamente un investimento di medio -lungo termine.

COMPARTO DINAMICO

L'investimento è caratterizzato da un'elevata componente azionaria. Il rendimento atteso è potenzialmente elevato a fronte di una più ampia volatilità. Tale investimento è adatto per chi ha tanti anni davanti prima della pensione (almeno 7-10 anni). E' tipicamente un investimento di lungo termine.

IL FATTORE TEMPO E' DETERMINANTE

Se l’orizzonte temporale è breve, perché mancano pochi anni alla pensione, sono preferibili i comparti obbligazionari o garantiti, mentre se si è più giovani, costituiscono un’ottima opportunità di risparmio i comparti azionari o bilanciati. In quest’ultimo caso il  maggior tempo a disposizione, infatti, consente di compensare le normali fluttuazioni dei mercati e si possono ottenere dei risultati migliori in termini di rendimenti.

oscillazione dei comparti prudente bilanciato dinamico

Esempio della tipica VOLATILITA'  di un comparto azionario. Rendimento atteso alto a fronte di un' ampia volatilità (oscillazione del capitale investito)

Esempio della tipica VOLATILITA'  di un comparto bilanciato. Rendimento atteso medio a fronte di una media volatilità (oscillazione del capitale investito)

Esempio della tipica VOLATILITA'  di un comparto prudente. Rendimento atteso basso a fronte di una bassa volatilità (oscillazione del capitale investito)

Il tempo è necessario per azzerare il RISCHIO VOLATILITA'

l'oscillazione è il rischio di un investimento in fondi

Nella scelta del prodotto di previdenza integrativa quindi si deve tener conto:

  • dell’orizzonte temporale di partecipazione al fondo pensione;

  • del personale profilo di rischio;

  • delle esigenze e aspettative pensionistiche. In questo caso è importante conoscere la propria situazione pensionistica, calcolando l’ammontare della pensione pubblica e il gap previdenziale rispetto all’ ultimo stipendio stimati.

  • di altri fattori soggettivi come il patrimonio personale, le prospettive di carriera e la situazione familiare.

Il fondo pensione dovrebbe essere come un vestito su misura 

Entrano in gioco una molteplicità di variabili :

  • Tempo a disposizione

  • Reddito

  • Tipologia di comparto 

  • Costi di gestione

Desideri avere un check-up personalizzato ?

CONTATTAMI

NEL LUNGO TERMINE IL SETTORE AZIONARIO E' PREMIANTE 

Abbiamo detto che il comparto dinamico, ovvero il comparto che investe prevalentemente nel settore azionario, è adatto per chi ha davanti alla pensione molti anni. L'indice MSCI world è un indice che riassume le performance del mercato azionario di tutto il mondo. Notiamo che nel lungo termine tale indice cresce sempre a fronte di una certa volatilità di breve termine. I periodi rossi in tal senso sono più lunghi di quelli blu. Andiamo a vedere dal 1970 il rendimento medio dell'indice fino al 2017.

msci index rosso e blu la crescita di lungo termine del mercato azionario

L’indice MSCI World è un indice di mercato azionario di 1612 titoli di livello globale. È sostenuto dalla MSCI, ex Morgan Stanley Capital International ed è usato come metro di misura (benchmark) per i fondi azionari di tipo “world” (mondiali) o “global” (globali). L’indice include una raccolta di titoli azionari di tutti i mercati dei paesi sviluppati nel mondo come definito dall’MSCI. L’indice comprende titoli di 23 paesi esclusi i titoli provenienti da economie di frontiera o emergenti

fondo comune d'investimento azionario aziende utili lungo termine
msci dal 1970 decenni in guadagno
msci dal 1970 ventenni in guadagno
msci dal 1970 trentenni in guadagno

CONSIDERANDO I DECENNI SUSSEGUITISI DAL 1970 OSSERVIAMO CHE NESSUN DECENNIO SI E' CHIUSO CON SEGNO NEGATIVO.  IL DECENNIO PEGGIORE E' QUELLO CHE PARTE DAL 1999 AL 2008 CON UNA PERFORMANCE ANNUA PARI AL 2,5% ANNUO. QUINDI IL RISULTATO E' STATO POSITIVO NONOSTANTE 2 CROLLI DEI MERCATI TRA I PIU' IMPORTANTI E DURATURI DELLA STORIA. NEL 2009 COME SAPPIAMO INIZIO' POI IL TREND POSITIVO, E BASTAVA SEMPLICEMENTE ATTENDERE 1 ANNO PRIMA DI RISCATTARE LA POSIZIONE PER PORTARE A SEGNO UN ECCELLENTE RISULTATO. IL MIGLIOR DECENNIO RISULTA QUELLO CHE PARTE DAL 1980 AL 1989 CON UNA PERFORMANCE ANNUA PARI AL 20% L'ANNO.

CONSIDERANDO I VENTENNI SUSSEGUITISI DAL 1970 OSSERVIAMO CHE NESSUN VENTENNIO SI E' CHIUSO CON SEGNO NEGATIVO.  IL VENTENNIO PEGGIORE E' QUELLO CHE PARTE DAL 1989 AL 2008 CON UNA PERFORMANCE ANNUA PARI AL 7,3% ANNUO. QUINDI IL RISULTATO E' STATO ECCELLENTE NONOSTANTE  CROLLI DEI MERCATI TRA I PIU' IMPORTANTI E DURATURI DELLA STORIA. IL MIGLIOR VENTENNIO RISULTA QUELLO CHE PARTE DAL 1980 AL 1999 CON UNA PERFORMANCE ANNUA PARI AL 16,8% L'ANNO.

CONSIDERANDO I TRENTENNI SUSSEGUITISI DAL 1970 OSSERVIAMO CHE NESSUN TRENTENNIO SI E' CHIUSO CON SEGNO NEGATIVO.  IL TRENTENNIO PEGGIORE E' QUELLO CHE PARTE DAL 1987 AL 2016 CON UNA PERFORMANCE ANNUA PARI AL 9,4% ANNUO. QUINDI IL RISULTATO E' STATO FORMIDABILE NONOSTANTE  CROLLI DEI MERCATI TRA I PIU' IMPORTANTI E DURATURI DELLA STORIA. IL MIGLIOR TRENTENNIO RISULTA QUELLO CHE PARTE DAL 1970 AL 1999 CON UNA PERFORMANCE ANNUA PARI AL 14,1% L'ANNO.

CONCLUSIONE: INIZIATE PRIMA POSSIBILE IL FONDO PENSIONE

In conclusione la differenza la fa semplicemente il tempo. Piu' tempo abbiamo davanti alla pensione e più potremo sfruttare la crescita di lungo termine dei mercati azionari e capitalizzare di piu' in termine di rendimenti. Il tutto senza considerare gli enormi benefici fiscali che lo Stato offre.

 

Seguo i miei clienti prevalentemente in tutta Roma e dintorni ma sono operativo anche nel resto d'Italia.

Ti ricevo in filiale quando vuoi o più comodamente sarò io a venire da te garantendoti reperibilità 24 ore su 24.